La società

La storia

Nel 1996 un piccolo gruppo di 8 atleti si stacca dalla vecchia società di appartenenza per creare a Città di Castello una società amatoriale di atletica leggera, cosa che, nel capoluogo tifernate, mancava.

Accogliendo l’invito di Sergio Signorelli, anima vera dall’atletica in città,  si uniscono all’Atletica Libertas.

Rimangono con questa denominazione fino al 2001, quando per problematiche dovute al crescente numero di tesserati iscritti si vedono costretti a dividere le due realtà che comunque continuano a collaborare assieme seguendo distintamente una i ragazzi e l’altra gli amatori.

In quel momento nasce il Marathon club Città di Castello.

L’attuale organigramma è composto dal Presidente Martinelli Luca,  i vicepresidenti Caiotti Egle e Leonardi Roberto, il tesoriere Tognaccioli Enrico, i consiglieri Giorgi Giacomo, Sensi Silvia e Bizzerri Bruno.

Il gruppo pratica quasi totalmente podismo su strada con qualche apparizione in gare su pista e partecipa ogni anno a decine di competizioni in Italia e all’estero.

Si distingue in Umbria (1° società ) ma anche in tutto il centr’ Italia nella partecipazione alle gare “estreme” e di lunga durata dai 42 km della distanza classica della maratona in su sino alle gare di 50 100 km o 24 ore di corsa ininterrotta.

Nel novembre 1999 partecipa alla Maratona di New York con quasi 30 iscritti e negli anni a seguire i suoi atleti hanno preso parte a molte delle maratone più importanti del Mondo: Boston, Londra, Parigi, Toronto, Amsterdam, Berlino, Valencia, Vienna, Rotterdam, Dublino, Copenaghen, Siviglia, San Francisco, Budapest, Cracovia.

Fiore all’occhiello del gruppo è l’organizzazione dal 2001 del Trofeo Marathon club Città di Castello,  gara  su strada sulla distanza della mezza maratona (21 km 097 metri) e valida anche come Campionato Italiano Lions.

La manifestazione viene organizzata con la collaborazione della locale sezione Lions e si ripropone ogni stagione di devolvere il ricavato in solidarietà.

Atto costitutivo,statuto sociale, verb.assemblea straord.2006

 

FacebookTwitterShare